Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Per saperne di più o negare il consenso clicca su 'Maggiori informazioni'. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su 'Accetto' acconsenti all'uso dei cookie.

Editoriale agosto 2018

Dalla rivista Gardenia
 
 
IL GIARDINO RILASSATO E L’ESTETICA DEL DEL PRATO GIALLO 
 
Il prato? “D’estate è bellissimo color cotoletta!” Quando ho sentito per la prima volta Paolo Pejrone scandire a chiare lettere di fronte a una platea attonita il suo credo estetico-ecologista, pensavo a una provocazione delle sue, a metà fra l’ironia allegramente dispettosa e la sua naturale inclinazione a èpater, per il gusto di stupire. Invece l’architetto, come al solito, fa sul serio. E ci ha portato a visitare un giardino nei pressi di Tarquinia, nel Viterbese – la tenuta Sacchetti – dove si è deciso di non irrigare i tappeti erbosi che trascolorano così, a seconda del clima dell’estate, dal giallo oro al verde chiaro, se qualche acquazzone li fa ripartire. Con una avvertenza, però: di tenerli sempre rasati e puliti.Guardando i miei scampoli di prato a Robella, quest’anno miracolati dalle piogge ricorrenti, mi ricordo gli anni in cui d’estate diventavano una desolazione.Più seccavano e più mi deprimevo, trascurandoli. Invece basta tenerli sempre ordinati, anche quando per l’arsura crescono meno, perché le cosiddette “erbacce” invece crescono benissimo anche senz’acqua: io le accolgo, ma vanno tenute in riga anche loro. Con qualche eccezione (che mi fa fare le evoluzioni con il rasaerba) come per le cicorie che al mattino dischiudono i loro meravigliosi fiori, azzurri come gli occhi della Madonna. Completano il “giardino rilassato”, come lo definisce Pejrone, piante adatte al clima mediterraneo, come filliree, lentischi, melograni, querce da sughero……A proposito di giardini da caldo, vale la pena vedere il lavoro di Italo e Leo, che tutti conosciamo quando alle mostre orticole arrivano carichi dei loro emerocallidi. In realtà nel loro vivaio di Milis (Oristano) coltivano tante piante adatte a giardini a bassissima richiesta d’acqua. In queste pagine ne trovate uno poetico e colorato per una casa di vacanza a pochi minuti dal meraviglioso mare sardo e uno altrettanto bello e rivoluzionario voluto da un sindaco visionario a Santu Lussurgiu, un piccolo parco pubblico a cui tanti dovrebbero ispirarsi.

Emanuela Rosa-Clot

Direttore di Gardenia

 
 
Responsabile della pagina: Laura Pesce